PNRR BANDO MISE: Investimenti tecnologici produttivi e di sostenibilità ambientale.

Gent.mo Amministratore,

Gli obiettivi PNRR su cui indirizzare le risorse pubbliche per uno sviluppo sostenibile del nostro sistema industriale , nonostante il drammatico evento bellico che ha mutato il quadro internazionale, non solo non vengono abbandonati, ma rafforzati con attivazione di strumenti alla portata di una vasta platea di PMI.

E’ stato attivato il Bando MISE “Investimenti 4.0 per Fabbrica Intelligente e sostenibilità ambientale” che mette a disposizione risorse del PNRR Con minor vincoli di ammissibilità dei progetti e con la piena riconferma delle missioni allineate alla politica industriale della Commissione UE : trasformazione tecnologica e digitale dei processi produttivi e miglioramento della sostenibilità ambientale ( minori emissioni CO2, efficientamento energetico, riciclo rifiuti industriali e commerciali ) . .

PMI BENEFICIARIE

Tutte le imprese iscritte ed attive al registro imprese con attività economiche classificate come attivita’ manifatturiere alla sezione C della classificazione ATECO o operative per servizi industriali , di ricerca, informatici e di telecomunicazioni.

Devono trovarsi in regime di contabilità ordinaria e disporre di almeno 2 bilanci approvati e depositati se societa’ di capitali o aver presentato almeno due dichiarazioni dei redditi nel caso di società di persona o ditte individuali.

Il piano di INVESTIMENTI che deve essere supportato da un piano INDUSTRIALE almeno 5quennale deve riguardare

a) tecnologie abilitanti al passaggio all’industria 4.0 inserite nell’elenco in allegato ( che è un controllo da fare con i suoi tecnici)

b1) ampliamento della capacità produttiva

b2) o diversificazione della produzione con prodotti nuovi,

b3) o cambiamento del processo di produzione su unita esistente

b4) o realizzazione di una nuova unità produttiva a maggior risparmio energetico ( – 10 % di consumi rispetto all’anno precedente la domanda)

Le particolarità tecniche ed ambientali degli investimenti devono rispondere ad uno o più requisiti contenuti nei criteri di valutazione MISE del DM 10.02.2022.

NON è RICOMPRESA LA RICERCA E LO SVILUPPO SPERIMENTALE quindi sono di più facile attuazione in quanto si riferiscono ad investimenti acquisibili ex novo sul mercato.

AMMONTARE INVESTIMENTI , CONTRIBUTI A FONDO PERDUTO , e TEMPI DI REALIZZO

Sulla base delle tecnologie agevolabili si tratta con i suoi tecnici di focalizzare ed individuare investimenti in immobilizzazioni materiali ed immateriali per un importo complessivo >1.000.000 e non superiore a 3.000.000 da realizzare In sede operativa ITALIANA entro 12 mesi dalla data di concessione delle agevolazioni.

Il contributo in conto impianti a fondo perduto è erogabile per un importo pari al 35 % dell’investimento in tre rate

TEMPI DI PRESENTAZIONE DOMANDA

Dal 18 maggio esclusivamente in via informatica su piattaforma INVITALIA con identificazione e firma elettronica del legale rappresentante dell’impresa

Invio preliminare dell’ anagrafica dell’impresa dal 4 maggio. Procedura Valutativa di ammissibilità da part del MISE senza criteri premianti per tempistica di Invio

Siamo disponibili per una valutazione preliminare gratuita del raggiungimento del punteggio minimo per l’ammissibilità della domanda di AGEVOLAZIONE cui potrà seguire mandato operativo per l’ elaborazione della domanda di agevolazioni.

Ti aiutiamo a valutare la partecipazione al bando

Riempi il modulo sottostante per accedere al documento.

I campi contrassegnati da asterisco sono obbligatori

ESG RATING è  socio fondatore di  Diligentia ETS

ESG RATING è socio fondatore di Diligentia ETS

ESG RATING è diventato socio fondatore di Diligentia ETS . Crediamo che la  sostenibilità ESG sull’azienda  possa rappresentate un fattore competitivo di successo per il  business futuro  e non sia solo slogan per l’  immagine  aziendale. Diligentia  ETS aiuterà a...

Bandi Mite PNRR

Bandi Mite PNRR

Primi bandi del MITE per PMI per finanziare progetti di Economia Circolare collegati al riciclo di Rifiuti elettrici ed elettronici, carta e cartone, plastica e tessile. Anche con l’obiettivo di dar vita a “distretti” in grado di chiudere le diverse filiere...

Europa a impatto climatico zero

Europa a impatto climatico zero

Nel dicembre 2015 ben 195 paesi hanno approvato l'Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici39, importante accordo universale e giuridicamente vincolante, che succede al Protocollo di Kyoto a distanza di circa dieci anni dalla sua entrata in vigore.L'Accordo di...